Curiosità | Guida | Storie

Un viaggio tra le magiche location di Outlander in Scozia

13/11/2018

Avevo ammesso la mia colpevolezza già prima di partire per il mio primissimo viaggio in Scozia: ok la natura meravigliosa, ok i paesaggi da paura, ok le città e le loro storie centenarie… ma era solo grazie ad Outlander che io volevo, dovevo andarci!
Nel caso in cui non abbiate idea di cosa sia Outlander, è una serie TV tratta dai libri della scrittrice americana Diana Gabaldon e quasi esclusivamente ambientata in Scozia; la storia segue le vicende di Claire, un’ex infermiera inglese in viaggio ad Inverness col marito, che viene catapultata indietro nel tempo di due secoli quando entra in contatto con un cerchio di pietre; Claire si ritrova nelle selvagge Highlands, nel bel mezzo delle lotte tra inglesi e scozzesi, combattuta tra la voglia di tornare a casa ed il sentimento crescente per un highlander che si vede costretta a sposare. JAMIE ALEXANDER MALCOLM MACKENZIE FRASER. O semplicemente Jamie, il succo non cambia (ma la vostra visione dell’universo maschile, care donzelle, cambierà ECCOME).

La serie TV, all’inizio una delle tante, si è trasformata in una sorta di piccola (…) ossessione e devo ringraziarla per avermi portato in una terra della quale mi sono innamorata follemente, per avermi regalato un’altra prospettiva sul nostro modo di viaggiare.
Non sono di certo l’unica che è “caduta nella trappola”: è un dato di fatto che l’esponenziale aumento di turismo in Scozia degli ultimi anni sia dato anche dal telefilm, amatissimo negli Stati Uniti e sempre più apprezzato in Europa; per questo le location di Outlander, già di per sé eccezionali, sono valorizzate al massimo, tanto da meritarsi una sezione a parte sul sito ufficiale di Visit Scotland, ricchissimo di informazioni “oggettive”. Io invece in quei luoghi voglio portarvici attraverso il mio strampalato e per niente di parte punto di vista, venite con me??

cerchio di pietre scozia

Falkland -> Inverness

Claire ed il marito Frank, dopo aver passato anni separati dalla II guerra mondiale, per “ritrovarsi” decidono di partire per una seconda luna di miele nelle Highlands, facendo base nell’Inverness del 1945. Le graziosissime strade che vediamo nella serie, le vetrine dei negozi, la pensione di Mrs Baird non appartengono però alla città scozzese, ma al piccolo villaggio di Falkland, nel cuore del Fife.
Falkland è un piccolo gioiello conosciuto soprattutto per l’omonimo palazzo, costruito nel XVI secolo per ospitare i reali durante le battute di caccia nella zona ed amatissimo da Mary Stuart. Vista l’ora tarda (ed il periodo) noi l’abbiamo trovato chiuso, quindi la mia attenzione è stata catturata prettamente da ciò che si vede in tv, ovvero il Covenanter Hotel (il B&B di Mrs Baird) e la Fontana di Bruce, accanto alla quale per la prima volta “appare” Jamie. Ho provato a far mettere Pavel almeno nella stessa posa ma niente, non c’ha capito niente…

Clava Cairns -> Loch Rannoch -> Craigh na Dun

Se seguite Outlander, saprete già perfettamente che il cerchio di pietre di Craigh na Dun che catapulta Claire nel passato in realtà non esiste, è una semplice invenzione scenica. Se non seguite la serie ma la inizierete, vi ho risparmiato una piccola delusione! La location è stata ricreata su una delle colline lungo il Loch Rannoch, zona che non abbiamo visitato ma che un giorno mi piacerebbe molto toccare. Si dice però che la Gabaldon sia stata ispirata da un altro sito simile, ed assolutamente magico aggiungerei: Clava Cairns, a pochissimi chilometri da Inverness. Lì sì che ci sono stata, e non è affatto difficile pensare che proprio da quelle pietre sia in qualche modo “scaturito” il tutto. L’abbiamo visitato in autunno ed in completa solitudine, e posso dirvi che è stata un’esperienza quasi mistica.

Doune Castle -> Castle Leoch

Ricapitoliamo: Claire senza sapere come o perché si trova nelle Highlands, nelle mani dei soldati inglesi. Un gruppo di scozzesi riesce a salvarla e portarla con sè, ma sono molto sospettosi su come mai una donna sola e vestita in modo bizzarro si trovi in quella parte di mondo. Prima di lasciarla andare, vogliono assicurarsi che non si tratti di una spia, per questo la conducono dal capo, il laird, del clan MacKenzie a Castle Leoch.
Castle Leoch, ovvero Doune Castle, non è esattamente nelle Highlands; si trova a poca distanza a nord di Stirling, ed è affascinante proprio come si vede in tv. Il poco tempo a disposizione non mi ha permesso di entrare (ma alla biglietteria hanno qualche gadget della serie), ma prima o poi dovrò tornarci con più calma.

Blackness Castle -> Fort William

La fortezza di Fort William, uno dei luoghi più cupi e tristi dell’intera serie, conosciuta ai più per essere la tappa di partenza dell’iconica road to the isles, è stata ambientata al Blackness Castle. La famosa costruzione sorge ad una trentina di chilometri da Edimburgo ed è affettuosamente chiamata the ship that never sailed, la nave che non è mai salpata: la sua forma ricorda infatti proprio quella di una nave ben ancorata alla costa.
Io ho dovuto “ancorarmi” alle sue possenti mura in compenso… sono entrata con certe scene ben stampate in testa, l’ingresso è piccolo e buio e il castello era completamente deserto. Sono dovuta tornare indietro e trascinare Pavel con me, sentivo un senso d’ansia misto a panico non mi permetteva di proseguire da sola. Ok, sono io che con l’età sono diventata facilmente impressionabile, perché Blackness è davvero uno splendore. Ma di nuovo, chi ha visto la serie sa di cosa parlo, e sicuramente potrà capire… per gli altri, no spoilers!

Midhope Castle -> Lallybroch

Altro luogo dolce/amaro ma assolutamente iconico è casa di Jamie e dei Fraser, la tenuta di Lallybroch, aka Midhope Castle.
Il piccolo castello sorge tra Edimburgo e Blackness ed è all’interno di una proprietà privata, occorre quindi acquistare un pass speciale per potervi accedere. Non vi dico l’emozione nel percorrere quel vialetto, nel sedermi su quelle scale, nel passare sotto QUELL’arco… emozione un po’ smorzata dal constatare in quali condizioni è la struttura, spero che i ricavi convincano i proprietari a metterci le mani.

Deanston distillery -> deposito di vini di Le Havre

Una delle location meno conosciute appare all’inizio della seconda stagione, quando Jamie e Claire approdano in Francia ed incontrano il cugino di lui, Jared, a Le Havre. Nel porto francese Jared ha un deposito di vini, che è stato riprodotto nei magazzini della distilleria di Deanston, ad un passo dal Doune Castle. La distilleria era originariamente un cotonificio, da qui l’aspetto alquanto “bizzarro” ed industriale se comparato agli edifici solitamente utilizzati per produrre whisky.

Cumbernauld -> Culloden -> Culloden battlefield

Il campo di battaglia di Culloden (1746) è sicuramente uno dei luoghi simbolo non solo della serie, ma della storia scozzese. Rappresenta IL momento del crollo dello stile di vita degli Highlanders. Il sito è un’enorme distesa semideserta, sulla quale sorgono qua e là bandiere rosse e pietre che riportano il nome di un clan, probabilmente in corrispondenza di antiche fosse comuni scavate a seguito della battaglia; è toccante, triste, e fa profondamente riflettere. Noi ci siamo capitati in un ventosissimo e freddo pomeriggio di novembre, e quella terra sembrava quasi parlare. Anche in questo caso, Outlander o meno, si tratta di una tappa fondamentale per conoscere e capire questa terra meravigliosa.
Le riprese della battaglia non si sono svolte nel sito, ma nei dintorni di Cumbernauld, vicino Glasgow; Culloden appare tuttavia durante la visita di Claire e Frank nella prima stagione, ed ancora con Claire nella terza.

Edimburgo ed il Royal Mile

Niente “travestimenti” in questo caso: i closes di Edimburgo e parti del famoso Royal Mile sono stati usati per le riprese dell’inizio della 3 stagione, dove troviamo Jamie in versione stampatore proprio nella capitale scozzese. La scena simbolo è quella che ci mostra la tipografia, il cui esterno è stato ricostruito in corrispondenza del Bakehouse Close. Ma ogni singolo vicolo che si dirama dalla celeberrima via nasconde una piccola sorpresa, è proprio una delle cose che preferisco della città!

Craigmillar Castle -> prigione di Ardsmuir

Il castello di Craigmillar, nella periferia sud di Edimburgo, nella serie si è trasformato nella prigione di Ardsmuir, dove Jamie ed altri giacobiti vengono rinchiusi e dove per la prima volta incontriamo Lord John Grey versione comandante. I miei due personaggi maschili che si (r)incontrano, solo per questo non potevo non andare. Anche in questo caso, la fortezza ha un posto di primo piano nella storia scozzese, ed in particolare in quella di Mary Stuart: non solo la regina vi cercò riparo, ma è qui che i nobili della sua corte complottarono di uccidere il suo secondo marito, Lord Darnley.
Il castello è di fatto un rudere, ma una visita agli interni è davvero molto interessante; è inoltre possibile “arrampicarsi” fino al tetto ed avere una bellissima visuale sul centro di Edimburgo e su Arthur’s Seat.

Glencoe

Sing me a song of a lass that is gone…

 

Gli amanti di Outlander e della Scozia non possono non conoscere la Skye Boat Song, la canzone che narra la fuga di Bonnie Prince Charlie sull’isola di Skye dopo la disfatta di Culloden. Il testo, leggermente riadattato, è diventato la sigla perfetta per la serie, resa ancora più perfetta dalle immagini che si susseguono sullo schermo. E cos’altro potrebbe rappresentare l’input (insieme alle immagini promozionali della prima stagione) se non la valle di Glencoe? La Scozia dell’immaginario collettivo, quella incontaminata, quella da sogno.

Vorrei poter dire di aver visitato tuuuuuutte le location di Outlander in Scozia, vorrei. Vorrei essere stata al palazzo di Linlithgow, ad Hopetoun House, al villaggio di Culross, ad Aberdour, alla piccola Glencorse Old Kirk. Ma ci andrò prima o poi, altrochè. Mica finisce qui. A me la Scozia mi ha rapito anima e cuore, serie o non serie.
E voi, se non ci siete ancora mai stati o siete curiosi di vederla sotto un altro punto di vista, perché non iniziare proprio da Outlander? Crea dipendenza però. Non ditemi che non vi avevo avvisato.

Le foto presenti nell’articolo sono state scattate da me se non altrimenti specificato con appositi credits. Credits che non sono purtroppo riuscita a trovare per l’immagine di copertina, in quanto già presente sul mio computer da diversi anni; in caso di problemi, prego di contattarmi via mail e verrà rimossa.
  1. Dovrò proprio riprendere Outlander dall’inizio insomma! 😉 Adoro il confronto che hai fatto tra le tue foto e le immagini della serie, i posti sono mozzafiato!

    1. L’avevi iniziato e abbandonato Giulia? L’inizio non è stato leggero nemmeno per me, diciamo che sono partita spedita quando mi sono trovata costretta a letto con l’influenza dopo un paio di tentativi falliti. Ma ne vale la pena, fidati 😉 Fammi sapere poi se riesce ad appassionarti!

    1. Beatrice ti ringrazio! Avrei dovuto portarmi un po’ di stampe dietro per le pose forse, ho certe foto (che ovviamente non ho messo) decisamente meno riuscite di queste xD

  2. Anche a me mancano alcuni di questi luoghi ma come dici tu, in Scozia ci tornerò quindi non posso far altro che tenermi stretta la lista e sperare di mettere un ✔️a tutti!

    1. Il “problema” è che anche se le serie sono ambientate in America, loro continuano a girare in Scozia… e i luoghi aumentano. Ci toccherà andare all’infinito, ma dovremo farcene una ragione……….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *