Consigli pratici su come abituarsi alla guida a sinistra

C’è voluto il nostro quarto on the road in terra britannica per far sì che la tanto temuta guida a sinistra toccasse anche a me. Finora infatti mi ero semplicemente prodigata a fare da spalla al conducente di turno, e qui sul blog a dare qualche consiglio utile su come organizzare un fly & drive in Scozia;  insomma, senza andare nel dettaglio di come affrontare quello che per noi “del continente” è, ammettiamolo senza tanti giri di parole, un vero incubo.

Lo è stato anche per me, non tanto nel mentre quanto nei giorni precedenti. Ma sei voluta partire senza gli amici fidati? L’hai voluta la carta di credito a tuo nome? E ora ti attacchi, cara Celeste.
È stata proprio tale congiunzione astrale a spedirmi dritta dietro il volante, e che ci crediate o meno… c’avevo preso gusto. Almeno fino a quando ho strisciato la macchina. Ma quella è un’altra storia, che tuttavia è stata molto utile per stilare la mia piccola lista di consigli pratici su come abituarsi alla guida a sinistra e cosa fare per sfangarla.

inghilterra guida a sinistra pecore lake district

Scegliere una compagnia fidata e stipulare la copertura assicurativa completa

Quando c’è un on the road di mezzo, il primo passo è sempre quello di mettersi nelle mani di una compagnia fidata. Così, per andare sul sicuro, abbiamo deciso di rivolgerci nuovamente ad Auto Europe, consapevoli che avremmo trovato un validissimo appoggio in caso di bisogno. Il poter comparare i prezzi, la categoria dell’auto ed i punti di ritiro a seconda delle necessità del momento sono solo alcune delle ragioni per cui non sceglierei nessun altro! È ottima anche nel caso di ripensamenti dell’ultimo minuto (che con la guida a sinistra potrebbero effettivamente sorgere), visto che è possibile cancellare la prenotazione o modificarla senza costi aggiuntivi fino a 48 prima del ritiro della vettura.

Si possono aggiungere direttamente dal sito di Auto Europe eventuali extra (seggiolini, navigatore, secondo guidatore, ecc.), così come scegliere una copertura assicurativa oltre a quella base già inclusa; noi non eravamo sicuri se fare o meno la più completa, e ci siamo decisi (grazie al cielo) all’ultimo secondo al banco ritiri di Glasgow. Perchè se è vero che della mia guida solitamente sono sicura, è forse proprio l’eccesso di sicurezza che ogni tanto mi fa “scivolare”… tipo il piccolo incidente di York, del quale fortunatamente non abbiamo dovuto preoccuparci proprio grazie all’aumento di franchigia. Vi assicuro che la bella strisciata che ho fatto sulla fiancata uscendo dal parcheggio ci sarebbe costata mooooolto di più delle 35£ giornaliere di assicurazione. Mai più senza!

vallo di adriano auto con guida a sinistra

Salire in macchina e studiarla attentamente

Una volta che le chiavi saranno tra le vostre mani, prendetevi del tempo per studiare la vettura, soprattutto se ne avete scelta una col cambio manuale. I pedali sono identici a quelli ai quali siamo abituati, ma il dover maneggiare freno a mano e soprattutto cambio con la sinistra è una delle difficoltà maggiori, o almeno lo è stata per me. Dopo aver regolato gli specchietti, controllate anche vari tasti, leve e levette. I fari ad esempio spesso non si azionano dal braccetto posto alla base del volante, ma tramite un interruttore solitario sul cruscotto; può sembrare banale, ma lo scorso ottobre c’abbiamo messo un bel po’ per scovarlo.

Visto che molte delle auto sono nuove di zecca, c’è un’alta possibilità che abbiano il navigatore integrato. Vi consiglio di accenderlo e selezionare la destinazione, così da avere sempre davanti agli occhi il percorso da prendere e le relative indicazioni. Aiuta moltissimo a concentrarsi.

Prenderci la mano e farsi aiutare dagli altri passeggeri

L’ideale sarebbe iniziare la guida in luoghi poco trafficati, missione praticamente impossibile se l’auto viene noleggiata in centro città o in aeroporto. A Glasgow il centro Avis è leggermente defilato, ma si viene quasi istantaneamente immessi in autostrada; io ho cercato di fare una velocissima pratica nelle strade circostanti semi-deserte, anche se il problema sorge quando cominciano a frecciarti accanto vetture con autisti più avvezzi di te. Niente ansie però: spesso e volentieri nel Regno Unito i guidatori si aspettano che quelli un po’ più imbranati siano turisti non abituati alla guida a sinistra, quindi prendetevela con calma e guidate ad una velocità sostenuta. Difficilmente qualcuno vi strombazzerà come succede in Italia!

Se viaggiate in compagnia, chiedete ai passeggeri di aiutarvi con le indicazioni, almeno all’inizio. Perchè se sulla carta è ovvio che bisogna costantemente rimanere sulla corsia di sinistra, in pratica ogni tanto verrà da immettersi naturalmente a destra; ed avere qualcuno che ti urli “DOVECAXXOSTAIANDANDO” è di grande aiuto, grandissimo!

inghilterra guida a sinistra attenzione scoiattoli

Fare attenzione agli incroci e alle rotonde

Dietro al volante, vale la stessa fondamentale regolina da tenere a mente anche passeggiando a piedi: LOOK RIGHT, ovvero guarda sempre a destra.
A Londra è scritto un po’ ovunque, nel resto del Regno Unito decisamente meno, ma il succo non cambia. Così come non cambia che io, sia a piedi che in auto, controlli come una pazza entrambe le direzioni, perché non mi viene proprio naturale rivolgermi prima verso destra.

Le difficoltà maggiori arriveranno sì agli incroci (mantenersi sempre sulla sinistra), ma soprattutto alle rotonde, che vanno percorse in senso orario. Spesso per immettersi in una rotonda ci sono 2 o più corsie a seconda delle uscite, e dopo aver fatto un po’ di pratica vi consiglio di stare in quella indicata per la direzione che dovrete prendere; sembra complicato, ma semplificherà enormemente la vita a voi e alle vetture che vi circondano.
In autostrada, la corsia più lenta è ovviamente quella di sinistra ed il sorpasso viene fatto a destra, ma mi raccomando di azzardarvi solo quando ve la sentite.

lake district inghilterra honister pass bus rosso discesa

Calcolare bene le distanze, soprattutto a sinistra

La difficoltà maggiore che ho trovato è stata quella di calcolare le distanze. Non tanto dietro e davanti (il noleggiare una macchina di piccole dimensioni sicuramente aiuta in questo), ma ai lati. La sinistra è stato il mio vero incubo. Sia che stessi guidando in strade normali che in autostrada, tendevo sempre troppo ad avvicinarmi al lato lontano, e lo strusciare la fiancata è stato causato proprio dall’aver stimato male le distanze tra l’auto e la colonna. Mi è successo tra l’altro il penultimo giorno, quando ormai mi sentivo abbastanza sicura di poter trotterellare per qualsiasi strada britannica quasi come se l’avessi sempre fatto. Non avete idea di quanto mi sia data della scema, e di quanto sia stata in ansia finché non ho visto la cifra dell’addebito finale sulla carta.

guida a sinistra inghilterra volante auto

Eccoli qua, i miei 5 apparentemente semplici ed ovvi consigli pratici su come sfangarla nel Regno Unito ed ovunque sia adottata la guida “dalla parte sbagliata”. Che a noi sembra quasi contro natura, ma che è praticata da ben il 34% della popolazione mondiale: Giappone, India, Kenya, Sudafrica, Tailandia, Australia, Indonesia e moltissimi altri paesi.
Detto questo, abituarsi a guidare a sinistra non è lo scoglio insormontabile che sembra, anzi… passati i primi minuti (le prime ore?) di panico, è quasi divertente, quasi naturale. Quasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Accetto

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-image: url(https://www.berightback.it/wp-content/uploads/2019/06/welcome-to-england-big-min.jpg);background-color: #2ac8e0;background-size: cover;background-position: center bottom;background-attachment: fixed;background-repeat: no-repeat;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 300px;}div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container.dfd_stun_header_vertical_parallax {-webkit-transform: -webkit-translate3d(0,0,0) !important;-moz-transform: -moz-translate3d(0,0,0) !important;-ms-transform: -ms-translate3d(0,0,0) !important;-o-transform: -o-translate3d(0,0,0) !important;transform: translate3d(0,0,0) !important;}